Bartolomeo Bettera

Strumenti musicali, libri, tappeto e tenda

Seicento
Bartolomeo Bettera (Bergamo, 1639 - dopo il 1699)

Bartolomeo Bettera nacque a Bergamo il 28 agosto 1639. Emulo di Evaristo Baschenis nella pittura di nature morte con strumenti musicali, ideò nuove soluzioni scenografiche in accordo con il gusto del tardo Seicento. Visse prevalentemente a Bergamo, ma soggiornò anche a Roma e si trasferì a Milano nel 1687.

Per la sua vita si rinvia al Dizionario biografico degli Italiani.

La Composizione con strumenti musicali, libri, tappeto e tenda è un olio su tela (116 x 153 cm) appartenente a una collezione privata. Il piano d’appoggio è ricoperto da un prezioso tappeto anatolico del tipo “Holbein” (dal nome del pittore tedesco che nel XVI secolo ne divulgò per primo le forme, l’ornato, i caratteri) che Bettera esegue corrugandolo, così da determinare delle piccole onde e degli avvallamenti e conferire alla scena un maggiore dinamismo. Inusitate qualità tattili sono ottenute grazie a una tecnica di sua invenzione che consiste nel premere un tessuto reale sull’imprimitura ancora fresca. L’impronta a rilievo che ne deriva viene successivamente dipinta così da simulare, con eccezionale effetto illusionistico, l’ordito a nodi intrecciati e policromi della texture tessile. Gli strumenti musicali rappresentati sono liuti, chitarre e violini, disposti secondo uno schema a ventaglio già utilizzato da Baschenis.

Bibliografia: Lotto Romanino Moretto Ceruti, i campioni della pittura a Brescia e Bergamo, a cura di Davide Dotti, catalogo della mostra, Milano, Silvana Editoriale, 2023, scheda di Enrico De Pascale, p. 134.

Fotostudio Rapuzzi.

Scheda a cura di Enrico De Pascale (scheda) e Marco Bizzarini (ascolto)

Ascolto - YouTube

Si propone all’ascolto la Sonata per liuto, violino e basso continuo RV 72 di Antonio Vivaldi. Al liuto Thomas Dunford. L’ensemble Jupiter è diretto dallo stesso Thomas Dunford.

Galleria fotografica